MMO.it

New World: Un player nell’alpha ci descrive il gioco – Anteprima con intervista esclusiva

New World: Un player nell’alpha ci descrive il gioco – Anteprima con intervista esclusiva

Oggi torniamo a parlare di New World, il nuovo MMORPG sandbox attualmente in sviluppo da Amazon Game Studios.

Lo scorso settembre è iniziata la prima fase di alpha testing con un piccolo gruppo di giocatori selezionati. I fortunati stanno dunque provando il titolo in anteprima, mentre la software house ha finalmente iniziato a pubblicare le prime immagini e il primo video ufficiale di New World.

Tuttavia questa ondata di nuova informazioni non ha fatto salire l’hype, anzi sembra aver deluso i più. Molti utenti hanno infatti criticato il gioco, accusandolo di essere l’ennesimo survival senza arte nè parte. Ma siamo sicuri che sia davvero così, o forse dietro alle apparenze c’è di più?

Il colpo di scena è arrivato nei giorni scorsi, quando ci ha contattato un player che è stato invitato nell’alpha e sta attualmente testando il gioco: questo insider, che d’ora in poi chiameremo Alphano (perché è nell’alpha, seems legit), ha risposto in forma anonima alle nostre domande e ci ha voluto dare le sue impressioni sul titolo, che a suo dire è stato frainteso da molti. Siccome New World è ancora sotto NDA, ci teniamo a chiarire che il ragazzo è esterno alla redazione e MMO.it non sta infrangendo alcuna regola a riportare le sue dichiarazioni, che vi consigliamo comunque di prendere con beneficio d’inventario.

Cediamo dunque la parola ad Alphano per le sue prime impressioni, a cui seguirà la nostra intervista.

 

 

L’incipit di New World

I primi passi nel “nuovo mondo” hanno un sapore di gioco survival; si inizia senza nessuna introduzione od obiettivo, ed il giocatore è incentivato ad esplorare solo dalla propria curiosità. Le uniche cose che si possono far subito sono raccogliere oggetti da terra come pietre e rami, e ben presto si scopre che tali risorse vanno usate per costruire velocemente armi ed utensili. L’impressione primordiale è allora quella che New World non sia nient’altro che l’ennesimo survival di cui ormai nessuno ha più voglia.

L’apparenza tuttavia inganna. Il primo indizio che non si tratta di un survival si ottiene nel momento in cui si prova ad attaccare un altro giocatore. Per fare ciò infatti occorre attivare la modalità criminale, e dopo la prima uccisione la pena da scontare sono 3 ore nelle quali qualsiasi altro giocatore vi può uccidere senza penalità, nonché la perdita di tutti i vostri oggetti al momento della morte, cosa che invece succede solo parzialmente quando non si è criminali (in tal caso si perde solo il contenuto dell’inventario ma non l’equipaggiamento).

Nella mappa sono disseminati vari avamposti dove i giocatori non criminali sono invulnerabili, possono vendere e depositare oggetti al sicuro. Non si tratta quindi di un survival, bensì di un gioco PvP con regole che ricordano vecchi MMO come Ultima Online. I depositi non sono globali come un giocatore moderno di MMO potrebbe aspettarsi, bensì locali, e dunque le risorse vanno trasportate da un deposito all’altro quando vi è necessità di farlo.

Una volta acquisita una certa quantità di materiali durante le prime ore di gioco, i primi tentativi di crafting mettono in luce un sufficiente numero di equipaggiamenti con stile ed effetti diversi le cui ricette presentano una varietà di materiali sconosciuta al mondo survival, ma ben nota invece nel terreno dei MMORPG. Ma passiamo alla parte che personalmente ritengo più interessante.

La mappa è in gran parte ricoperta da punti di controllo. I giocatori di Shadowbane e Darkfall possono già immaginare cosa siano: al costo di una precisa quantità di oro, una qualsiasi gilda (per ora chiamata Compagnia in New World) può impossessarsi di un terreno ed iniziare a costruirvi sopra. In una certa regione circolare a partire dal centro di questo terreno (a seconda di quanto oro si spende), le strutture che vengono create sono invulnerabili agli attacchi di altri giocatori per una determinata quantità di tempo (da quanto visto fino ad ora: 24 ore).

New World alpha

New World è quindi un gioco di conquista massivo, un simulatore di guerra se vogliamo, al pari di tanti MMO PvP del passato, e con alle spalle la tecnologia più avanzata del momento per sostenere il più alto numero possibile di giocatori per server (al momento quasi 600 persone, ma col sostegno di Amazon Cloud gli sviluppatori promettono di raggiungere i 10.000).

I giocatori progrediscono facendo quello che preferiscono, infatti sia raccogliere legna che uccidere un NPC dà dei bonus EXP, e salire di livello fornisce dei punti che si utilizzano per aumentare le proprie statistiche (da qui il fattore RPG) sia di combattimento che di crafting.

 

Intervista ad Alphano: Q&A su New World

Plinious – Partiamo con la domanda più diretta e scontata: cos’ha di innovativo New World? A parte la capienza dei server, in cosa si differenzia dai tipici survival sandbox a là Rust/ARK/Conan Exiles?

New World alpha

Alphano – New World non è affatto un survival sandbox come a molti potrebbe sembrare. Si tratta a tutti gli effetti di un MMORPG basato sulla conquista territoriale. La maggior parte dei concetti non sono innovativi di per sé, ma ricordano in mia opinione vecchi MMO come Ultima Online, Shadowbane, EVE Online, Darkfall e Mortal Online. Se fosse uscito nel 2010, scommetto che nessuno avrebbe usato il termine “survival”.
Di innovativo probabilmente c’è solo l’ambientazione che è a metà tra medievale e rinascimentale, ed il sistema di avanzamento del personaggio, il quale è invece a metà strada tra essere level e skill based.

Ah, quindi sono presenti anche i classici livelli. E come funziona il sistema di progressione? Sappiamo che ci sono vari skill tree in cui specializzarsi. Questi rami danno accesso ad abilità attive e passive?

Sono presenti sia i livelli che le skill in cui specializzarsi, ma i primi si acquisiscono facendo qualsiasi tipo di azione (come raccogliere una pietra da terra) mentre le seconde crescono solo utilizzandole (come su Ultima Online e Darkfall). Non ci sono rami di scelta, e a limitare le possibilità è solo il numero di punti a disposizione, che deve essere gestito al meglio secondo le proprie esigenze. Al momento non ci sono abilità né attive né passive, ma è molto probabile che vengano introdotte perché ci sono tanti indizi in gioco a riguardo (di sicuro sulle abilità magiche).

Come ti pare al momento il combat system? È davvero action e ricorda quello di Dark Souls, come hanno riferito alcuni giornalisti?

Si, il combattimento è molto action e tenta di imitare con discreto successo Dark Souls (senza magia – che verrà introdotta a breve). Lo si nota fin da subito quando si prova a saltare, senza riuscirci. Si può saltare solo quando si corre, tenendo premuto spazio e shift. Oltre all’attacco semplice esistono due tipi di attacco che si utilizzano con Q ed F, variabili a seconda dell’arma che si usa ma molto simili alle combo di Dark Souls. Ad esempio caricando la F si può staggerare il nemico, rompendo la sua difesa. Con la Q invece si fanno attacchi ad area, come lo spin con l’ascia a due mani, oppure lo stun con la spada. Ogni azione comporta l’utilizzo di una barra di stamina che si rigenera velocemente (quindi, come in Dark Souls). Finire temporaneamente la stamina vuol dire non riuscire a muoversi e subire sicuramente almeno un attacco dal nemico. Sebbene non ancora del tutto fluido, il sistema di combattimento promette molto bene, con l’inserimento in futuro delle abilità magiche.

Sappiamo che in New World è presente il sistema della trinità, quindi si può impersonare un damage dealer, un tank o un personaggio di supporto. Ma esiste un vero e proprio healer? Si possono curare i compagni oppure ognuno pensa a sè?

Sì. L’unica magia ad essere stata introdotta al momento in gioco è proprio la cura (invocabile solo indossando dei guanti “celestiali”), ed è diretta verso gli amici più vicini, all’interno di un piccolo cerchio. Sappiamo per certo però che molti altri rami di magia saranno a disposizione a breve, dato che sono già presenti in gioco riferimenti a magie di fuoco, ghiaccio e fulmine.

È vero che l’esperienza di gioco diventa più difficile di notte? E oltre a mob e animali selvaggi hai visto anche dei boss nell’open world?

Fino ad ora non ci sono dei “boss” intesi come mob estremamente difficili da uccidere. Esistono mob molto più forti di altri che vanno attaccati in gruppo, ed è facile aspettarsi che vengano introdotti col passare del tempo mob sempre più variegati, ma dubito che si arrivi a dei veri e propri “raid boss”.
Di notte è aumentato il rate di respawn di alcuni mob come gli scheletri, inoltre sono più facilmente visibili i propri campfire, quindi bisogna sempre far attenzione, ma non direi che il gioco sia molto più difficile di notte piuttosto che di giorno.

New World alpha

Al momento nel gioco sono presenti dei parametri survival, come ad esempio fame, sete, freddo o caldo? E se sì, questi sono abbastanza permissivi o ci si trova a dover mangiare/bere ogni 5 minuti?

Se il proprio personaggio è “assetato” (non beve da molto tempo), la stamina rigenera molto più lentamente. Se il personaggio è “affamato”, non rigenera vita. Occorre quindi bere per aumentare la rigenerazione di stamina e mangiare per rigenerare vita, ma questa meccanica non è per niente eccessiva. Se non altro perché il cibo si trova in quantità industriali in giro per la mappa (oltre ad essere cucinato), e così anche l’acqua.

Quale contenuto PvE di alto livello ci si può aspettare da New World?

Al momento non credo sia lecito ipotizzare che New World avrà mai una componente PvE di “alto livello”. L’end game sembra principalmente puntato allo scontro tra giocatori, un po’ come EVE Online.

Riguardo invece al PvP, hai detto che i giocatori normali perdono l’inventario alla morte, quindi di fatto una forma di partial loot, mentre i criminali perdono anche l’equipaggiamento. Dunque per i PK si attiva il full loot?

Sì, è proprio così.

Bene, mettiamo un attimo da parte il combat. Sappiamo che grandi sandbox del passato, come UO e SWG, presentavano una larga varietà di attività sociali pacifiche, come la possibilità di darsi al crafting, alla danza, alla musica e persino alla politica. Pensi che in New World questo sarà possibile? Il gioco permette cioè di dedicarsi full-time ad attività alternative al combattimento?

New World alpha

La risposta è decisamente sì. Innanzitutto in New World si può salire di livello facendo qualsiasi cosa, anche solo tagliare alberi senza avere mai a che fare con il combattimento. Le gilde più forti, quelle che hanno in mano i territori, al momento fanno salire i propri “alt” (personaggi secondari) tramite il crafting o il gathering di massa. Sulla danza e sulla musica non saprei, ma la politica giocherà sicuramente un ruolo chiave, dato che la conquista e la difesa dei territori sarà fondamentale e dunque lo saranno anche i rapporti tra gilde ed alleanze.
Così come il mercato, in particolare quello di Azure… risorsa fondamentale per la difesa delle proprie strutture.

Visto che parli degli alt, te lo chiedo: in totale quanti personaggi può creare ogni giocatore?

I personaggi in Alpha ora sono quattro per server, forse però sarà uno solo alla release. È ancora da vedere.

Viene voglia di esplorare il mondo di gioco? È visivamente suggestivo e presenta zone di interesse o è la tipica distesa vuota con qualche alberello qua e là?

Ho passato le prime ore di gioco ad esplorare il mondo e direi che promette bene. La grafica aiuta molto in questo, perché i paesaggi sono abbastanza suggestivi, così come i suoni e la musica. Può migliorare sicuramente la densità di mob, ma ho visto di peggio in altri MMO.

Da quanto dicono gli sviluppatori l’ambientazione di New World dovrebbe presentare molti elementi soprannaturali. Tu hai già visto qualcosa a questo proposito?

La maggior parte degli elementi soprannaturali non è ancora in gioco, basti pensare alla magia. Sinceramente non so quali siano i piani degli sviluppatori su questo punto.

Al momento le gilde/compagnie possono crescere? Cioè è presente un sistema di progressione del clan?

Non mi sembra che al momento le gilde possano “progredire”, d’altra parte si tratta ancora di un’Alpha, dunque è possibile che ciò accada in futuro. Specialmente in virtù dei meccanismi di conquista territoriale che si vocifera porteranno a meccanismi di alleanze tra gilde e possibilità di affidare a terzi la gestione del proprio territorio.

Hai già avuto modo di vedere come funziona il sistema di costruzione? Ad esempio se è modulare o preimpostato ecc…

Una volta conquistato un territorio, è possibile piazzare al suo interno qualsiasi tipo di costruzione disponibile (mura, case, pozzi, storage, campi da coltivare ecc…) e queste ultime possono essere “ruotate” fintanto che il terreno sia piano e non ci siano ostacoli nel mezzo. Sono abbastanza soddisfatto di questo sistema.

Come ti sembra l’interfaccia di gioco e dei menu? Immagino sia un aspetto che verrà migliorato ancora parecchio prima della release…

Devo dire che l’interfaccia di gioco è tra le migliori che abbia mai visto per un’Alpha, e forse anche di molti giochi veri e propri. C’è margine di miglioramento, ma io sono abbastanza contento già di com’è ora.

 

New World alpha

Al momento come gira? Il motore è ancora acerbo o risulta già abbastanza ottimizzato?

Il gioco gira molto bene. Possiedo un computer high-end con scheda video 1070, e non sono mai sceso sotto i 60 fps. So di persone con computer peggiori che non hanno problemi di alcun tipo, infatti il motore di gioco sembra essere abbastanza ottimizzato. La cosa sorprendente è che i server ora sono localizzati in America, ma da europeo non l’avrei mai detto… i miracoli di Amazon Cloud.

In quali aspetti il gioco ti sembra già piuttosto avanti? Invece in cosa c’è ancora bisogno di molto lavoro?

Fino ad ora il picco di giocatori per server sfiora il valore di 600, quindi direi che la domanda fondamentale al momento è se Amazon riuscirà a mantenere la promessa di raggiungere i 10.000 giocatori per server oppure no. Credo sia fattibile, se non altro perché la mappa stessa verrà ampliata notevolmente rispetto ad ora, e quindi già di suo potrà ospitare almeno 4-5 volte il numero di giocatori attuali. Un altro punto da capire è quanti giocatori riuscirà il gioco a sostenere in una piccola regione di spazio, come ad esempio durante un siege. In Darkfall ho visto siege da 200-300 persone, anche se non fluidamente, quindi mi aspetto che New World riesca a fare almeno altrettanto.

Per il resto il gioco è molto avanti quasi su tutto direi.. è più avanti di tutti i giochi survival Early Access che si vedono in giro.

Considerando l’attuale stato di sviluppo del gioco, secondo te quando potremmo vedere una release?

Non credo che la release sia così lontana, e penso che nel giro massimo di un anno avremo notizie più precise. Penso che addirittura una release nel 2019 stesso possa essere plausibile, ma forse sono troppo ottimista. Nonostante Amazon non abbia fatto molta pubblicità, comunque, al momento il numero di alpha tester sfiora quota diecimila… che non è poco.

New World alpha

Le conclusioni di Alphano

In conclusione New World sembra un MMO molto promettente. Lasciatemi fare un’ultima considerazione: se vi piacciono i soliti themepark con quest che vi accompagnano durante tutto il gioco, per poi abbandonarvi ad end game ripetitivi ma divertenti… New World non fa per voi.

Se vi piacciono i giochi massivi sandbox, con tanto PvP, dove le gilde lottano per la conquista dei territori di gioco, e non siete spaventati dal perdere i vostri oggetti quando morite (tranne l’equipaggiamento, per chi non è un “criminale”), allora New World potrebbe fare al caso vostro.

P.S: Nell’Alpha è già presente una gilda italiana, che possiede diverse città ed è attualmente in cerca di membri. Chiunque sia interessato lo scriva nei commenti qui sotto!

 

 

Taggato con: , , ,

Placeholder for advertising