MMO.it

New World: Le guerre territoriali avranno fino a 10mila giocatori

New World: Le guerre territoriali avranno fino a 10mila giocatori

Dalla Gamescom di Colonia sono emersi nuovi dettagli e interessanti informazioni per New World, l’ambizioso MMORPG survival sandbox di Amazon Game Studios presentato la scorsa settimana.

I colleghi di PCGamesN hanno potuto provare una versione pre-alpha del gioco e intervistare gli sviluppatori del team. Ecco i punti salienti:

  • inizialmente i server di New World dovrebbero ospitare 500 giocatori, ma l’obiettivo finale è arrivare a contenere 10mila giocatori per server in modo da permettere “guerre territoriali su larga scala”
  • nel gioco finale sarà possibile craftare armi e armature, cacciare, raccogliere risorse, cucinare e costruire
  • è possibile reclamare un territorio neutrale e stabilire lì il proprio quartier generale: a quel punto la zona appartiene al proprio party e si ottiene una percentuale delle risorse raccolte da tutti i giocatori nel territorio
  • i forti sono zone sicure in cui i giocatori non possono essere attaccati dai mob o da altri player
  • nei forti i giocatori possono storare grandi quantità di oggetti
  • se gli esploratori si allontanano troppo da un forte potranno mettere su un campo temporaneo, che fungerà anche come punto di respawn
  • “la mappa di gioco è molto vasta”, stando all’autore dell’articolo
  • all’interno del proprio quartier generale, i giocatori possono impostare quest per altri player
  • New World presenta un action combat con barra della stamina, mira manuale e animation-lock
  • è presente il sistema della trinità, quindi in combattimento si può impersonare un damage dealer, un tank o un personaggio di supporto
  • non ci sono classi e i giocatori possono evitare del tutto il combattimento specializzandosi in altre attività
  • il mondo selvaggio è estremamente pericoloso, con lupi e altri animali che attaccano in branco

“New World offre una spinta positiva, progressiva a un genere che si concentra spesso su scenari apocalittici e sulla ricerca della sopravvivenza in un mondo ormai condannato”, conclude l’articolo. “Qui, invece, ci sono le fondamenta di una società in espansione e controllata dai giocatori, che può tendere tanto a una vita pacifica quanto a confronti litigiosi tra terre confinanti. E ogni gioco che ti permette di fare flessioni vicino al tuo fuoco da campo sicuramente merita almeno una prova.”

Insomma, descritto così New World ricorda molto Ultima Online e Star Wars Galaxies. E voi che ne pensate?

 

Fonte

 

Taggato con: , ,

Placeholder for advertising