MMO.it

Editoriali e rubriche

MMO-Question: Gli MMO dovrebbero abolire i livelli?

MMO-Question: Gli MMO dovrebbero abolire i livelli?

Oggi una nuova puntata di MMO-Question con un altro, scottante quesito riguardante il nostro genere preferito. Fin da quando esistono i videogiochi e in particolare gli RPG, gli sviluppatori hanno inventato diversi modi per costruire un sistema di progressione avvincente con cui far crescere il nostro personaggio. Uno di questi, sicuramente il più famoso, è il sistema a livelli: iniziamo al livello 1 che sappiamo a malapena tenere in mano una spada e non riusciamo manco a far male a uno scoiattolo, poi a mano a mano che giochiamo (e uccidiamo mob) il nostro livello sale fino a raggiungere infine il cap, che può essere al 50, al 100, al 120 o quel che è,…

MMO-Perle: Ecco la vera storia dietro al meme di World of Warcraft “Leeroy Jenkins”

MMO-Perle: Ecco la vera storia dietro al meme di World of Warcraft “Leeroy Jenkins”

Oggi vi proponiamo una nuova puntata di MMO-Perle, la nostra rubrica dedicata ai fatti più curiosi e bizzarri dei titoli multiplayer online, e lo facciamo parlando della vera storia dietro a “Leeroy Jenkins“. Se siete stati giocatori di World of Warcraft sicuramente sapete di cosa stiamo parlando: quello relativo a Leeroy Jenkins è stato uno dei primi video virali, un meme nato nell’internet del 2005. Tuttavia, nel caso in cui qualcuno abbia passato gli ultimi dodici anni su un altro pianeta, ecco un breve riassunto del video: un gruppo di giocatori sta cercando di completare Upper Blackrock Spire, un dungeon di WoW. I giocatori, tutti appartenenti alla gilda “PALS FOR LIFE”, si organizzano sul da farsi prima…

La TOP 5 del 2017 secondo Jin – Editoriale

La TOP 5 del 2017 secondo Jin – Editoriale

Siamo agli sgoccioli di questo 2017. Un anno che ha portato enormi soddisfazioni a tutti i giocatori, cosa che per inciso non accadeva in modo così massiccio da molto tempo. Proprio per celebrare tanta abbondanza, ho pensato di stilare una personalissima top 5, prendendo in esame soltanto le uscite di quest’anno che – come ovvio che sia – io ho avuto modo e piacere di giocare. Una lista più che una classifica, senza voler per questo nulla togliere ad altrettanti bellissimi giochi che, purtroppo, non ho avuto la possibilità di provare con mano… ancora. Nei commenti, sentitevi liberi di esprimere le vostre esperienze videoludiche più soddisfacenti di questa edizione “2K17” ma, intanto, diamo il via…

MMO-Question: Preferite un free-to-play con microtransazioni o un gioco a prezzo pieno senza?

MMO-Question: Preferite un free-to-play con microtransazioni o un gioco a prezzo pieno senza?

Allora ragazzi, come sapete il discorso sulle microtransazioni nei videogiochi, con tutte le relative polemiche, continua a tenere banco. Star Wars Battlefront 2 è stato letteralmente massacrato dall’utenza, con una ferocia e una durezza che finora non si erano mai viste. Tuttora il gioco presenta su Metacritic uno score dell’utenza veramente infimo, 0.9. I giocatori hanno mostrato nel modo più chiaro possibile che dinamiche pay-to-win e meccanismi da titolo mobile in un gioco venduto a prezzo pieno non sono ben apprezzate (e ci mancherebbe), al punto da spingere EA a bloccare momentaneamente le microtransazioni nel gioco. Il discorso è persino arrivato sul piano politico, al punto che adesso i vari governi iniziano a chiedersi se…

Plinious ex Machina – Back to World of Warcraft vanilla

Plinious ex Machina – Back to World of Warcraft vanilla

Devo essere sincero, non me l’aspettavo. Alla BlizzCon 2017 l’annuncio dei server classici di World of Warcraft, ufficialmente supportati da Blizzard, è arrivato come un fulmine a ciel sereno. Era una notizia talmente inattesa che è deflagrata come una bomba. Noi per primi, nel nostro piccolo, ce ne siamo accorti: qui su MMO.it gli articoli su World of Warcraft Classic sono stati i più letti delle ultime settimane, ancor più di quelli su Battle for Azeroth, la nuova espansione su cui ho già espresso le mie impressioni. È la grandezza e al tempo stesso la maledizione di WoW: il suo scomodo passato rischia di mettere in ombra tutto il resto. In questa puntata di Plinious Ex Machina…

Plinious ex Machina – Battle for World of Warcraft

Plinious ex Machina – Battle for World of Warcraft

Quella del 2017 è stata una BlizzCon notevole, arricchita da tanti annunci e filmati, tra Hearthstone, StarCraft 2, Heroes of the Storm e tutto il resto. Ma l’MVP dell’evento è stato senza dubbio lui, World of Warcraft, con ben due annunci dedicati, quello dei server classici ufficiali e la presentazione della nuova espansione, Battle for Azeroth. Mai come quest’anno il MMORPG più giocato al mondo è stato l’indiscusso protagonista della BlizzCon, dopo che nelle scorse edizioni il titolo sembrava aver perso il trono della popolarità a favore di un prodotto più “mediatico” come Overwatch. E invece rieccolo, anche a distanza di tredici anni: WoW non muore mai, ma quest’anno sul suo viso si intravede qualche ruga in più del solito. In…

MMO-Question: World of Warcraft Classic e Battle for Azeroth, ci sarete?

MMO-Question: World of Warcraft Classic e Battle for Azeroth, ci sarete?

Se avete visitato MMO.it anche solo una volta negli ultimi tre giorni, ormai non potete non saperlo: alla BlizzCon 2017 Blizzard ha svelato grosse novità per il futuro di World of Warcraft. La notizia prevista e prevedibile è stata l’annuncio della prossima espansione, Battle for Azeroth, incentrata sulla guerra tra Orda e Alleanza. Altri 10 livelli, la solita infornata di contenuti e feature inedite, ma anche una particolare attenzione al lore, tra continenti importanti per la storia di Azeroth e nuove sotto-razze, come i Tauren di Alto Monte, degli Elfi del Vuoto o i Nani Ferroscuro. La vera sorpresa è stato invece l’annuncio di World of Warcraft Classic, una modalità per rivivere l’esperienza originale di WoW su server vanilla…

Plinious ex Machina – Dobbiamo pretendere di più dai videogiochi

Plinious ex Machina – Dobbiamo pretendere di più dai videogiochi

Avete visto la presentazione video di Star Citizen dal CitizenCon? In caso negativo rimediate subito, un po’ perchè questo mio editoriale nasce dopo aver visto quel video e un po’ perchè è ciò di cui si parlerà per i prossimi mesi (o anni?) quando si discuterà di innovazioni tecnologiche nei videogiochi. La presentazione mostra in tutta la sua potenza la generazione procedurale delle città che popoleranno l’universo di gioco, e lascia sinceramente di stucco. Non stiamo parlando di quattro sparute casette messe in fila, o di un algoritmo che ogni volta crea pianeti di diverso colore ma ugualmente vuoti (mi riferisco a te, No Man’s Sky). Lo Star Engine, motore basato sul CryEngine e pesantemente modificato con l’Amazon…

MMO-Perle: Come si duplicavano gli oggetti in Diablo 2, Ultima Online e Pokémon

MMO-Perle: Come si duplicavano gli oggetti in Diablo 2, Ultima Online e Pokémon

Ecco una nuova puntata di MMO-Perle, la nostra rubrica dedicata ai fatti più curiosi, divertenti o interessanti dei titoli multiplayer online. A chiunque nel corso delle sue sessioni di gioco online sarà capitato di incontrare, ogni tanto, dei cheater. I bari nel multiplayer si manifestano sotto le più diverse forme. Negli sparatutto, per esempio, chi trucca ha degli aimbot per mirare in automatico, degli autofire per sparare senza dover badare al rinculo, dei wallhack per vedere attraverso i muri. Negli strategici sono noti i maphack più disparati che rimuovono la nebbia di guerra, così come nei MOBA, dove raramente si rivelano perfino dei cooldown-remover che rimuovono i tempi morti delle abilità. E negli MMO? Truccare nei…

DEVONO I CRITICI ESSERE BRAVI IN CIO’ CHE CRITICANO? – IL COMMENTO DI ASCZOR

DEVONO I CRITICI ESSERE BRAVI IN CIO’ CHE CRITICANO? – IL COMMENTO DI ASCZOR

Inutile negarlo: il rapporto tra la critica ed il prodotto criticato è da sempre molto difficile. Del resto, un pensiero che viene espresso frequentemente è che chi critica non sa fare, dunque il suo ruolo non può essere altro che di commentare ciò che altri hanno fatto. Da ciò discenderebbe una qualche inferiorità del commentatore rispetto al produttore dell’opera: il primo non fa altro che fruire di qualcosa che non saprebbe fare da solo e, in base alla sua millantata esperienza, ne dà un giudizio; il secondo, invece, è quello da cui tutto origina e grazie al quale il critico lavora – per questo dev’essere senz’altro più in alto nella scala gerarchica della società. Iginio…