MMO.it

Chiude Phoenix, il principale freeshard di Dark Age of Camelot

Chiude Phoenix, il principale freeshard di Dark Age of Camelot

Phoenix è il principale server privato di Dark Age of Camelot, il classico MMORPG del 2001 di Mythic Entertainment, oggi gestito da Broadsword Entertainment. A differenza dei server ufficiali, che sono free-to-play solo in parte con l’opzione Endless Conquest, Phoenix è un freeshard, quindi permette di giocare al titolo nella sua interezza in modo completamente gratuito.

Inoltre Phoenix è basato sulla versione 1.65 di DAOC, che include l’espansione Shrouded Isles ma non Trials of Atlantis, ed è riconosciuta dalla community come la versione migliore di DAOC.

Purtroppo ci sono brutte notizie, perché gli amministratori del server hanno annunciato che Phoenix chiuderà i battenti il prossimo 31 agosto. La principale motivazione è legata al basso numero di giocatori: gli sviluppatori spiegano che è abbastanza fisiologico per un server privato che la playerbase, una volta finito l’entusiasmo iniziale, vada scemando finché non rimangono solo i giocatori più affezionati, che però non sono abbastanza per sostenere il progetto sul lungo termine.

Basta aprire il sito di Phoenix per vedere che, a differenza di un anno fa (quando si registravano centinaia di utenti connessi a tutte le ore), in questo momento i numeri del counter sono molto bassi. Era successo lo stesso anche con i precedenti freeshard, come Uthgard, Genesis, Uthgard 2, sostengono gli sviluppatori:

Eravamo abbastanza vicini a raggiungere il punto critico già nel marzo 2020, ma con il lockdown legato al Coronavirus c’è stato un afflusso abbastanza persistente di giocatori nuovi e di ritorno, tuttavia, una volta che le restrizioni sono state revocate il declino ha ripreso il ritmo e di fatto abbiamo raggiunto il punto critico un po’ di tempo fa. Questo è ulteriormente aggravato da un nuovo server all’orizzonte, anche se è ancora lontano, non ha praticamente senso per noi competere con il loro lancio date le dinamiche dell’hype di lancio e l’erba sempre più verde dall’altra parte: il massimo che potremmo ottenere con qualche sfuggente cambiamento magico è dividere la già piuttosto piccola comunità di freeshard di DAOC.

Per queste ragioni e sotto l’ipotesi che il progetto del nuovo server rimanga in pista e non imploda per il comune dramma tipico dei freeshard, chiuderemo il 31 agosto e in un secondo momento faremo buon uso del nostro nome.

Nelle settimane che separano Phoenix dalla chiusura si terranno alcuni eventi, in particolare:

  • dal 24 al 31 luglio: evento Level Playing Field
  • dal 31 luglio al 7 agosto: Arena 1v1
  • dal 7 al 14 agosto: PvP Setting in Killaoe, cap di 5 player per gruppo
  • dal 14 al 31 agosto: ancora da annunciare

 

Il server a cui si riferiscono gli sviluppatori è Atlas, un nuovo freeshard ispirato alla versione classica di Dark Age of Camelot con le cosiddette Old Frontiers. Al momento Atlas è in pre-alpha e non c’è una data di lancio ufficiale, ma i gestori del server hanno dichiarato che non dovrebbe mancare molto e che tutti sono invitati a testare il gioco e fornire il loro feedback.

Qui di seguito vi lasciamo la replica del nostro primo streaming di Phoenix, anche se, essendo il gioco molto vecchio, c’erano stati dei problemi tecnici a mostrarlo. Voi che ricordo avete di Phoenix?

 

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Placeholder for advertising

4
Lascia una risposta

avatar
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
guestandrefrancescoanello88 Recent comment authors
più recenti più vecchi più votati
francesco
Guest
francesco

te credo che chiudono sti shard di finto daoc, rendono tutto cosi semplice e riducono tutto all’rvr quando in realta lo spessore e la profondita del gioco andava ben oltre il spaccarsi di mazzate in rvr, daoc era strutturato in maniera tale che il pve serviva per andare in rvr e il rank in rvr serviva per poter fare mob piu difficili per avere accesso a pezzi migliori, era una scaletta che richiedeva tempo ma era quello che rendeva duraturo il gioco, se fanno server dove dopo 2 giorni sei 50 e dopo 1 settimana hai il teamplate definitivo, la gente dopo un po si rompe il cazzo di fare solo rvr.

anello88
Guest
anello88

Bel server… e bella gente sempre tutti disposti ad aiutare sia italiani che stranieri ringrazio loro e i gestori del server per il viaggio che mi hanno fatto intraprendere cosa non facile per un giocatore moderno dato l’interfaccia obsoleta… Un viaggio fantastico che mi ero perso per via dell’età quando il gioco era uscito!!!
ONORE E GLORIA A DAOC ANCORA OGGI IL MIGLIOR MMO RVR

guest
Guest
guest

per me per far recuperare un po di player dovrebbero farlo uscire su steam!

andre
Guest
andre

Uno dei piu organizzati shard di daoc. Purtroppo non c’è modo di far avvicinare i giovani di oggi ad un gioco cosi, troppo lento per i meccanismi odierni difatti i ragazzi preferiscono fortnite…. al miglior PVP mai esistito.