MMO.it

Atlas ancora sotto attacco dei cheater, volano balene e carri armati

Atlas ancora sotto attacco dei cheater, volano balene e carri armati

Solo pochi giorni fa vi abbiamo riferito di un attacco ai server nord americani di Atlas che aveva portato ad un rollback di oltre cinque ore: l’account di un admin era infatti stato gravemente compromesso dal gruppo di cheater Black Butterfly, che avevano creato il caos nel server facendo spawnare aereoplani e carri armati della seconda guerra mondiale.

Grapeshot Games e Studio Wildcard avevano promesso che il problema non si sarebbe più verificato, ma purtroppo non è andata così, come potete evincere dal titolo di questa news.

Come riporta il subreddit di Atlas, nelle scorse ore è arrivata una seconda ondata di azioni illecite: alcuni cheater sono riusciti a far spawnare nel mondo draghi e balene giganti, come potete vedere nella clip a fondo articolo. Come se non bastasse, i responsabili dell’attacco hanno anche ottenuto il controllo dei messaggi di status dei server, iniziando così a inviare molesti messaggi di spam nei confronti di tutti i giocatori connessi: i cheater hanno prima invitato i presenti a iscriversi al canale YouTube di PewDiePie, per poi annunciare: “Black Butterfly ha colpito ancora”.

Ci sarebbe insomma da ridere, non fosse che c’è da piangere per un prodotto (l’ennesimo) che è stato lanciato in Early Access su Steam anzitempo e senza fare i dovuti controlli sulla qualità del gioco e la sicurezza dell’online.

Di fronte a questo disastro, gli sviluppatori non hanno potuto far altro che mettere nuovamente offline i server PvP americani di Atlas per una manutenzione d’emergenza ed effettuare un rollback di tre ore. L’assistant community manager Dollie ha dichiarato che stavolta si è trattato di un “exploit tecnico”, e non della violazione di un account amministratore.

Infine la software house ha assicurato che i colpevoli dell’incursione sono stati bannati e che d’ora in poi verranno implementate delle protezioni che impediranno situazioni simili. Ci possiamo fidare? Ne dubitiamo, ma vi terremo aggiornati in caso di novità.

Potete farvi un’idea di quanto successo guardando le clip Twitch di seguito. Che ne pensate?

 

 

 

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Placeholder for advertising